Home > Arte > IL CALICE «GETSEMANI» AL CARDINALE MARC OUELLET

IL CALICE «GETSEMANI» AL CARDINALE MARC OUELLET

Vaticano, 20 maggio 2011. In chiusura della personale di scultura «L'Uomo, da Dioniso a Cristo» allestita al Palazzo del Vicariato Maffei Marescotti, l'artista Paolo Menon è stato ricevuto in udienza dal Prefetto per la Congregazione dei Vescovi, il cardinale Marc Ouellet

Il cardinal Prefetto (nella foto) che ha ricevuto in dono un multiplo del calice da Messa "Getsemani", scolpito nel 2008 per il Pontefice, ha espresso compiacimento e ammirazione per i simboli scultorei e il loro significato teologico che strutturano l'opera realizzata in biscuit naturale di porcellana e oro. Aggiungendo che quando celebrerà la santa Messa con questo calice terrà il lato del Cristo prostrato ai piedi dell'ulivo verso di sè e quello della risurrezione verso l'assemblea, sottolineando a sua insaputa, le stesse intenzioni del pedagogista-teologo don Stefano Peretti nel suo intervento all'inaugurazione della mostra d'arte sacra e dionisiaca.

Il cardinale Ouellet scriverà di seguito all'artista: «Esprimo vivo apprezzamento per questa opera d'arte dove Ella ha saputo trasmettere nella delicatezza della porcellana la profondità del mistero del "Getsemani".

Penso che si possano applicare a questo prezioso calice le parole che il Santo Padre Benedetto XVI ha ripreso dal suo venerabile predecessore Paolo VI, rivolgendosi agli artisti: "Noi abbiamo bisogni di voi. Il Nostro ministero è quello di predicare e di rendere accessibile e comprensibile, anzi commovente, il mondo dello spirito, dell'invisibile, dell'ineffabile, di Dio. E in questa operazione voi artisti siete maestri. E' la vostra missione e la vostra arte è quella di carpire dal cielo dello spirito i suoi tesori e rivestirli di parola, di colori, di forme, di accessibilità".

Le auguro cordialmente che il Signore possa benedire la sua creatività di artista affinché queste "epifanie di bellezza", come il Papa ha definito le opere d'arte, possano essere di aiuto per una autentica rinascita dell'arte cristiana in vista di un nuovo umanesimo.

Con viva cordialità, auspicando ogni bene per Lei. 

Marc Card. Ouellet, Prefetto della Congregazione per i Vescovi».


Osservazioni
Aggiungi un commento
  •  
  •